TRENTEMøLLER – MEMORIA

267

Dj e producer elettronico ormai di lungo corso con una carriera che parte dagli inizi del nuovo millennio.  La sua evoluzione ha toccato diversi stili e generi, a partire dalla “minimal” techno dei primi anni 2000 fino alle attuali forti influenze neo-indie rock.

Archiviata la fase techno come in un ideale salto di scaffale tra generi diversi anche quest’ultimo lavoro di Trentemøller si posiziona sempre più nelle atmosfere liquide di un certo rock indie evocativo anni’80, in stile tra Cocteau Twins e Durutti Column degli esordi con venature tendenti al darkwave psichedelico di quegli anni. Il tutto condito con la sapienza e la maestria del consumato producer elettronico che sa rinfrescare talune sonorità fino a regalargli un appeal tutto nuovo. Niente appare come una posa, niente è improvvisato. Tutto è calibrato col misurino. Un prodotto ibrido per un pubblico trasversale dove non mancano gli aspetti evocativi e niente suona banale, a parte taluni momenti cantati dove comunque le voci restano calibrate e tenute bene nell’insieme con le parti strumentali.

Memoria è un album che si presta al sogno ad occhi aperti. Oppure può fungere anche da fiaba della buonanotte prima di abbandonarsi tra le braccia di Morfeo. Ed è qualità rara a trovarsi.

(H501L voto: 7½)

Bandcamp:
https://trentemoller.bandcamp.com/album/memoria

Articolo precedenteAmptek: Exploration of Interstellar Space (Live 2019)
Prossimo articoloNuovo bislacco episodio by H501L

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here