ALVA NOTO – HYbr:ID I

277

Nuovo album e probabile nuovo concept seriale per Alva Noto dove tutto sembra rappresentare il divenire di una trasformazione continua. A cominciare dalla figura ritratta nella cover che rimanda ad un famoso simbolo contenuto nel marchio di una nota casa costruttrice di automobili tedesca. Simbolo che dopo alcune variazioni geometriche in ultima tesi si trasformerebbe in un cubo.

Il concept dell’album sembra ritagliarsi quindi proprio nel flusso che va dall’errore alla perfezione, e viceversa. Il tutto visto come in una sorta di operazione algebrica. Dove il fattore “errore” sembra essere rappresentato da ogni singolo suono glitch che va a comporre le ritmiche e le armonie. Il fattore “perfezione” potrebbe invece stare proprio nell’insieme dei diversi paesaggi sonori costituiti all’interno dell’album: tutti credibili, colmi di astrazione e rarefazione. E con quel tanto di pathos che non guasta mai. Come per Xerrox, giunto ormai al volume 4, la ricerca del sound in questo nuovo concept è rigoroso e maniacale. Almeno per come l’artista tedesco nella prassi ci ha abituato negli ultimi vent’anni di carriera, o giù di lì.

Con HYBrd:I prosegue per Carsten Nicolai aka Alva Noto l’attitudine alla ricerca per un nuovo modello di musica classica per il futuro. Naturalmente ai posteri l’ardua sentenza. Per noi contemporanei nel mentre non resta che apprezzare.

(H501L, voto 7)

Official Site
https://noton.info/product/n-056/

REVIEW OVERVIEW
Articolo precedenteSTEPHAN BODZIN – BOAVISTA
Prossimo articoloIl 1992 elettronico visto attraverso dieci dischi
alva-noto-hybrid-iNuovo album e probabile nuovo concept seriale per Alva Noto dove tutto sembra rappresentare il divenire di una trasformazione continua. A cominciare dalla figura ritratta nella cover che rimanda ad un famoso simbolo contenuto nel marchio di una nota casa costruttrice di automobili tedesca....

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here